• Contatto vendite Cognex: 02 30578196

  • Contatti

Blog Cognex

Uno sguardo più da vicino al processo di valutazione dei codici a barre 2D secondo la norma ISO 15415

ISO 15415 2D Code

Le informazioni diagnostiche fornite dal software di verifica richiedono un'interpretazione. Una conoscenza di base del processo di decodificazione e classificazione può aiutare gli utenti a sapere quali tipi di regolazioni potrebbero dover effettuare, come la verifica delle dimensioni dell'apertura o la modifica dell'angolo di illuminazione. In precedenza, abbiamo spiegato il processo di classificazione dei codici a barre 1D 15416 dell'International Organization for Standardization (ISO). Ora diamo uno sguardo più da vicino ai passaggi coinvolti nella classificazione del codice bidimensionale (2D) per la norma ISO 15415.

Processo di decodificazione per codici 2D

I codici a barre migliori presentano un contrasto elevato tra i moduli in bianco e nero con bordi netti e proporzioni ideali. Anche la più piccola imperfezione può causare problemi con il codice. Un verificatore di codici a barre confronterà i codici a barre con una sua versione perfetta e individuerà le zone con problemi. Per comprendere appieno il motivo per cui anche la minima variazione è importante, è prima necessario comprendere come il software di verifica decodifica i codici a barre. Come esempio utilizziamo un codice Data Matrix.

La simbologia Data Matrix è probabilmente il codice 2D più comune. Consente la densità più elevata di dati per modulo, in particolare per i simboli piccoli, pertanto la qualità della valutazione è essenziale. Il finder è costituito da lati solidi a sinistra e in basso, che formano un modello a "L" e un modello di sincronizzazione (o traccia) orizzontale e verticale sui lati opposti della "L". Il modello di sincronizzazione specifica il numero di moduli nella matrice e viene utilizzato per decodificare la griglia su cui sono posizionati i moduli. Tutte le informazioni sulla dimensione del simbolo, sulla codifica e sulla correzione degli errori sono determinate dalla dimensione della matrice.

Elementi dei codici Data Matrix

Il processo di decodifica prevede più fasi per leggere e valutare un codice. Tale processo va tenuto in considerazione durante la verifica, in quanto i parametri di qualità sono tutti calcoli della probabilità che ciascuna delle fasi di decodifica non funzioni. Le fasi procedono nel seguente ordine:

  1. Il verificatore acquisisce l'immagine.
  2. Il software aggiunge una sfocatura all'immagine per rimuovere i disturbi o la texture nello sfondo.
  3. La soglia complessiva viene calcolata sull'immagine sfocata. La soglia complessiva è il valore impostato per determinare se una cella è più vicina al bianco o al nero.
  4. Il software la converte in un'immagine in bianco e nero o in un’immagine "binaria". Per rendere binaria l'immagine, il software prende l'immagine sfocata che ha valori di grigio e converte quindi ogni pixel in bianco o nero.
  5. Il software traccia le linee per trovare il modello a "L" e cerca un modello di sincronizzazione. Sostanzialmente sta individuando il finder.
  6. In base alla spaziatura dei denti di sincronizzazione, viene generata la griglia di decodifica di riferimento.
  7. All'intersezione della griglia, viene tracciato un cerchio (l'apertura), e il valore di luce contenuto viene confrontato con la soglia, creando una sequenza di dati binari basata sul colore della cella chiamata flusso di bit.
  8. Il flusso di bit (sequenza di dati) viene corretto utilizzando la correzione di errori Reed-Solomon.
  9. Il flusso di bit corretto viene convertito in valori ASCII rivelando i dati all'interno del codice.

Codici ISO 15415

Importanza della dimensione di apertura per i codici 2D

Per i codici 2D, l'apertura si riferisce al campione circolare che viene acquisito all'intersezione della griglia. Ognuno di tali cerchi campione è ciò che il software utilizzerà per stabilire se una cella è scura o chiara. Ogni volta che il cerchio campione acquisisce al suo interno tanto cellule scure quanto celle chiare, il risultato è una tonalità di grigio. Idealmente, si desidera che l'apertura sia perfettamente centrata al centro di una cella che sia del colore corretto. Le celle che iniziano senza un bordo netto o che hanno altri colori di cella che si scoloriscono al loro interno risulteranno quasi sicuramente di colore grigio. Il processo di decodifica convertirà l'immagine in binaria; di conseguenza, tutto ciò che era grigio dovrà essere convertito in bianco o nero. Qualsiasi cella grigia lascia spazio ad errori. Una apertura troppo grande o troppo piccola
causerà una minore precisione della valutazione.

Nella norma ISO 15415 per i codici 2D stampati su un'etichetta, è necessario impostare la dimensione di apertura in base allo standard della propria applicazione. È tipico che uno standard di applicazione fissi la dimensione di apertura all'80% della dimensione del modulo più piccolo consentito all'interno dell'applicazione. Ad esempio, una tipica applicazione GS1 consente una gamma di dimensioni X da 10 MIL a 20 MIL e specifica una dimensione di apertura di 8 MIL.

Processo di valutazione secondo la norma 15415

Durante il processo di decodifica, per completare il processo di valutazione devono essere eseguite diverse fasi aggiuntive. La prima fase consiste nello stabilire se il codice può essere decodificato dall'algoritmo di decodifica standard di riferimento. Si tratta sostanzialmente di un algoritmo molto semplice eseguito durante il processo di decodifica descritto sopra. Tutti i verificatori utilizzano l'algoritmo di decodifica standard di riferimento per la loro prima fase del processo di verifica. Questo è un modo per garantire essenzialmente che anche i lettori di codici a barre più rudimentali siano in grado di decodificare il simbolo.

Se un codice non può essere decodificato, il verificatore indica una classificazione di livello "F" lo stato "NESSUNA DECODIFICA". Ciò è diverso dal modo in cui verrebbe visualizzato un codice difettoso che è stato decodificato. Un codice classificato come "F" ma che ha superato il processo di decodifica mostrerebbe una valutazione per ciascuno dei parametri di qualità. La valutazione più bassa assegnata diventerà quindi la classificazione complessiva del codice. Ad esempio, se i risultati mostrano una "A" per ogni parametro, fatta eccezione per una "B" per la mancata uniformità assiale, il codice a barre in questione viene classificato come "B".

Processo di valutazione secondo la norma 15415

 

Quando il processo di verifica è completo ed è stato generato un punteggio formale, il passo successivo consiste nello stabilire quali parametri stanno causando l'abbassamento della valutazione. Dopo aver individuato i parametri con punteggio più basso, uno sguardo più attento al codice stesso consentirà di stabilire esattamente quali moduli stanno causando il problema. Per visualizzare soluzioni comuni a risultati indesiderati, scarica il White paper Capire i risultati della verifica.

Altri post in merito a

OTTIENI L’ACCESSO AD ASSISTENZA E FORMAZIONE IN MERITO AI PRODOTTI E MOLTO ALTRO ANCORA

Entra a far parte di MyCognex

AVETE DELLE DOMANDE?

I rappresentanti Cognex sono disponibili in tutto il mondo per supportarvi nelle vostre necessità di lettura dei codici a barre industriali

CONTATTI
Loading...